il coraggio di dire la verità

Ieri i nuovi poveri erano definiti camorristi, oggi i camorristi sono i nuovi poveri. E’ una battuta di pessimo gusto, ma bisogna avere il coraggio di dire la “verità”. Perché le virgolette? Perché la verità non la conosco, perché prima dico delle bugie, poi ritratto la verità ed infine affermo tutto e il contrario di…

non è andata così male

Ultimo giorno del 2020. Un anno terribile? Mica tanto. Il coronavirus ha squilibrato gli assetti e un po’ tutte le nostre abitudini. A Marzo o Aprile non ricordo bene, sul sito di un giornale nazionale è apparso un articolo (con tanto di gif animata) che ha mostrato come il clima si è purificato grazie alla…

la violenza dei santi

In un mitico quartiere dove santi e travestiti raccontano la loro esibizione attraverso la retorica e la visibile ostentazione dei media che esaltano il buonismo e le false elargizioni, una famiglia si dedica anima e corpo alla violenza e alla sopraffazione che spaventa senza fare morti. E’ una famiglia del passato, ma non troppo lontano…

perché maradona

Per dirla tutta di Maradona riservo una parte andata della memoria che, se non fosse per il tripudio generale, sarebbe passato come passa una qualsiasi situazione programmata. Quando ho sentito della sua morte ho provato qualcosa che non so come definire, ma ci provo: incertezza?, Imbarazzo?, disorientamento? Per poco, per fortuna, ma è stata questa…

carissimo francesco

Carissimo Francesco, il tuo ultimo saluto è stato nel tardo pomeriggio del 14 novembre, quando a una mia telefonata, hai subito esclamato con voce flebile: ”Alex, Alex…” Mi ero abituato a sentirti così, in questo periodo della tua vita, costellato da un andirivieni di ambulanze che arrivavano dopo varie sollecitazioni, ma senza ospedalizzarti (la prima…

incertezze

Di nuovo in casa, di nuovo senza lavoro e soprattutto dopo aver sperimentato il coronavirus in famiglia. Spietata analisi di tutte le contraddizioni che orami non si contano più. Quando alla fine degli anni Novanta mi iscrissi all’Università, il preside della mia scuola superiore quasi mi insultò sapendo che avevo scelto Sociologia come prosecuzione del…

cornelia de frost risponde …

Caro Antonio, innanzitutto grazie mille per questo post che mi hai dedicato, in risposta al mio articolo postato, non me lo meritavo davvero, perché quel post era davvero fuori luogo e ti vorrei spigare il perché. Come tu ben sai, anche io sono nata e cresciuta in una famiglia della classe operaia: mio nonno materno,…

insegno a distanza

Sono un insegnante di italiano che ha poco a che fare con il computer, con la connessione e con la banda larga. Oggi mi trovo ad insegnare a distanza, devo farlo, mi faccio aiutare da mio figlio quando la mattina è in casa, in verità, pochissime volte visto che lavora in un supermercato. Sono da…

chi ha distrutto la scuola caracciolo?

In poco meno di 10 anni la scuola Francesco Caracciolo, che un tempo contava 800 iscritti, è stata distrutta da una scellerata gestione. Ho raccolto, in tutti questi anni, abbastanza prove per affermare che i dirigenti, e alcuni professori, erano prevenuti nei confronti del quartiere Sanità. In una pubblicazione del 2011, scritta da un sociologo…

l’arte della gioia

Le descrizioni dell’amore e del sesso, sia con gli uomini e sia con le donne, che Goliarda Sapienza fa nel suo romanzo, “L’arte della gioia”, hanno in parte la stessa poeticità de “il Cantico dei Cantici”. Rivolgo la mia attenzione non sulla protagonista anarchia, ma sulla sua presenza/fisicità, sulla sua concezione dell’amore, sulla sua filosofia…