intrappolati nel rione san gennaro

il
Purtroppo il San Gennaro dei Poveri chiude le porte. Lo storico ospedale muore nell’indifferenza e nella sterile protesta dei suoi dipendenti. Dopo la chiusura del pronto soccorso diventato PSAUT, dei reparti attrezzati e ristrutturati, ora tocca al reparto maternità nonostante funzioni benissimo. E’ la solita storia, quando le cose vanno bene meglio abbatterle. Il rione sanità, unico quartiere che dopo la chiusura forzata del pronto soccorso ne ha organizzato un altro “clandestino”, conta circa 60mila abitanti; nel solo rione san Gennaro ci sono 6 mila persone intrappolate dal traffico di via San Vincenzo. Per arrivare al Cardarelli la strada è unica, l’ambulanza deve percorrere per forza questo tratto di strada, tra i più intasati del rione. Unica via di fuga sarebbe la Salita Scudillo che da anni però è chiusa per negligenza.

A nulla sono bastate le proteste dei cittadini tacciati di pressapochismo. L’ospedale del Mare, costato milioni di euro (senza essere terminato), è stato costruito sulla zona rossa vesuviana. Da anni le amministrazioni di quest’area producono sforzi in piani di evacuazione nel caso il Vesuvio dovesse eruttare: voglio ricordare che è uno dei vulcani più pericolosi al mondo. Niente da fare, le cose le dobbiamo fare noi, così come è successo per il cimitero delle Fontanelle e per il parco Rita Parisi occupato dalla gente del rione e solo dopo riaperto al pubblico, anche adesso bisognerebbe agire di “forza”; bisognerebbe sfondare il muro della salita Scudillo, riaprire un’arteria bellissima del rione sostituendoci alle Istituzioni. Come dicono in alcuni Paesi dell’America latina: “prima occupiamo poi  discutiamo”. [+blogger] 

6 commenti Aggiungi il tuo

  1. Anonimo ha detto:

    peccato…funziona davvero bene quel reparto!

    Mi piace

  2. Anonimo ha detto:

    Con forza chiediamo la riapertura della salita Scudillo, ci batteremo, il sindaco ha la nsotra domanda e la petizione firmata da tantissime persone.

    Mi piace

  3. br ha detto:

    il parroco della sanità ha pubblicato un libro sul quartiere edito dalla mondadori

    Mi piace

  4. Marco. Mar.. ha detto:

    Anche io abito a vicoletto san Gennaro e quando vado a scuola la mattina già la strada è piena di macchine, il pomeriggio è ancora di più. è giusto fare qualcosa per tutti noi. Marco. Mar..

    Mi piace

  5. Anonimo ha detto:

    e per non parlare del cavone…una bolgia di auto che circolano, di auto in sosta per la spesa, motorini, pedoni e chi più ne ha più ne metta…io sono per un'isola pedonale oraria in alcune zone della sanità. Diciamoci la verità, gli abitanti del quartiere sono abituati a prendere i motorini o le auto anche solo per fare pochi metri. Stimoliamo la mobilità pedonale!

    Mi piace

  6. Anonimo ha detto:

    poi dice che uno si butta a destra

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...