aborto nella sanità

Qualche anno fa ho perso una figlia perché aveva la sindrome di Edwards. Quando io e mia moglie ci presentammo per il consulto psicologico di routine, il medico, dopo avere letto le carte, ci disse: “qui neanche il Papa può opporsi all’aborto”. Pensai subito: “menomale che questi medici non sono obiettori di coscienza”. A ripensarci…

rendere migliori le persone

“Iniziarono i lavori di restyling della via Vergini e noi restammo a guardare per parecchio tempo. Ci dissero che il progetto sarebbe servito a riqualificare le strade e a migliorare la viabilità e la gente del quartiere. Erano gli anni Novanta e il Progetto Urban voleva rendere il rione più bello. La fontana vicino alla…

l’apartheid del rione

Quanta amarezza. Quanta ipocrisia. Tutte concentrate sul quartiere Sanità. Quello che sto per scrivere è amaro, sgradevole, imbarazzate e disumano, ma tutto sommato l’aspettavo. La Scuola Francesco Caracciolo è definitivamente chiusa. Forse, l’intelligenza umana, ha ben pensato di ospitare nella stessa struttura corsi di formazione. Brillante idea culturale. I padri della nostra vecchia società, zampillano…

annuccia

          Ero perdutamente innamorato di Annnuccia, una ragazza che abitava in un basso della via Cinesi. Lei era molto presa da mio cugino Alessandro, ma lui non le dava molta confidenza. Quando seppe che eravamo parenti, mi disse che somigliavo a lui e che bevevo e mi muovevo come lui. Ci vedevamo spesso. Un giorno mentre mi…

il tetto*

Una ragazza del quartiere ha pubblicato un post e ha scritto che è “schifata” dai prezzi degli affitti delle case. Ha espresso la necessità di controllare il flusso turistico perché è una delle cause dell’innalzamento dei prezzi. Niente di più vero. Ne sa qualcosa il buon Francesco Mastriani che nella sua vita ha subìto circa…

C’è “guerra” anche nello Sri Lanka

La comunità di Sri Lankesi alla Sanità è molto grande. Stabile da più di quarant’anni. Loshan, Terrance, Lakmal, Nisansala, sono stati tutti studenti della scuola d’italiano per stranieri. Adesso sono quasi tutti sposati e vivono in piccoli appartamenti o in bassi a livello stradale. Hanno famiglie allargate, condividono il matriarcato o il patriarcato per la…

pezzenti senza qualità

Francesco Mastriani a metà dell’Ottocento scrive un libro dal titolo. “Il mio cadavere”. Racconta della nobiltà napoletana e, per contro, della povertà del popolo. Un distico che ricorre in quasi tutti i suoi libri. La nobiltà è cieca, è “altra”, è qualcosa che ha voluto l’iddio. L’estrema indigenza è indifferenza, è assoluta disgrazia divina. L’uomo…