arena di pace e disarmo

il
Buona sera a tutti voi! Ho pochissimi minuti. Cercherò di essere il più stringato possibile. Questo è un piccolo miracolo: dopo 11 anni ci siamo ripresi l’Arena! Questo è il vero miracolo che è avvenuto. E questo grazie a tutti voi, siete voi l’Arena di Pace, siete voi il popolo della pace. Grazie in particolare a tanti volti giovani che vedo qui: questa è la bella notizia di questa sera. I giovani in mezzo a noi! Io sono un vecchio, appartengo ad una generazione nata a partire dalla seconda guerra mondiale, che rischia di essere la generazione più maledetta della storia umana. Perché nessuna generazione come la mia, ha distrutto e violentato il pianeta a tal punto come l’ha fatto questa mia generazione. A questi giovani dobbiamo chiedere perdono e glielo chiedo anche a nome di questa mia generazione. Perdonateci giovani, tocca a voi. Non siete il futuro del mondo. Siete l’unico presente che abbiamo.

Grazie per i tanti volti che ho potuto abbracciare prima e che spero di vedere dopo, è bella quest’amicizia che dura da una vita. Permettetemi semplicemente di iniziare con le parole di Martin Luther King “We have power”  Noi abbiamo potere. “È potere che non si trova nelle bottiglie molotov, ma noi abbiamo un potere.Un potere che non si trova nelle pallottole o nelle pistole, ma noi abbiamo un potere.È un potere antico come la saggezza di Gesù di Nazareth, come le tecniche del Mahatma Gandhi.” Sono un convertito alla nonviolenza attiva. Mi sono convertito a 50 anni, quando ero direttore di Nigrizia. Sono un seguace di quel povero Gesù di Nazareth che ha inventato la nonviolenza attiva. Come prete e come missionario mi pongo questa domanda: quand’è che le chiese (cattolica, protestante, ortodossa) dichiareranno pubblicamente che è Gesù che ha inventato la nonviolenza attiva?

La nonviolenza attiva è una forza crescente nell’umanità grazie a tanti giganti come Gandhi , Martin Luther King, ma anche a tantissime persone che hanno camminato con noi e sono con noi in questo momento, da Tonino Bello a don Milani e a don Mazzolari. Ricordiamo Balducci e Turoldo che erano qui con noi  in una delle grandi Arene, l’Arena del ‘91. Ricordiamo uomini come Capitini che stiamo dimenticando. Sono compresenti, parte di questa grande assemblea dell’Arena.  Eccoci qui per fare che cosa? Siamo arrivati ad un punto della storia umana che, ”o scegliamo la nonviolenza – o come diceva Martin Luther King – la non esistenza”. Cioè siamo arrivati ad un punto della storia umana in cui l’umanità deve decidersi a fare un salto di qualità, e non parlo soltanto delle armi, ma ormai di un sistema economico finanziario, protetto da potentissime armi che stanno pesando su questo ecosistema a tal punto che il pianeta non ci sopporta più.

Noi a Napoli questo sistema lo chiamiamo Ò Sistema. Perché  O’ Sistema non è solo la camorra, ma anche questo sistema economico finanziario dove le banche governano, siamo sotto dittatura delle banche. Papa Francesco ci parla di una ”dittatura di una economia senza volto e senza uno scopo veramente umano“. Oggi stanno facendo soldi con i soldi. Siamo arrivati all’assurdità di avere un milione di miliardi di dollari che girano nella speculazione finanziaria, mentre l’economia reale rappresenta soltanto sessanta mila miliardi di dollari. Questa è  follia totale. Il nostro è un sistema che permette al 20% del mondo di papparsi da solo il 90% dei beni prodotti su questo pianeta. Notate: il 20% vuol dire 1 miliardo su 7 miliardi che si pappano il 90% dei beni di questo mondo!  Un sistema folle dove gli 85 uomini più ricchi al mondo (il primo è Bill Gates), hanno  l’equivalente di 3 miliardi e mezzo dei più poveri.

È follia totale la nostra! Sono un missionario, missionario Comboniano, che ha sentito sulla sua pelle che cosa vuol dire vivere nell’inferno umano di una bidonville come Korogocho. Noi missionari siamo testimoni oculari di quello che sta avvenendo. La pauperizzazione non  è solo del sud del mondo, ma anche del sud d’Italia (e non solo!). Vivendo a Napoli, al rione Sanità, sono testimone di questo impoverimento. È il sistema che fa questo. È un sistema che sta portando  a questo. Noi missionari siamo testimoni di tre miliardi di essere umani che devono accontentarsi  di 2€ al giorno.  Siamo testimoni di 800 milioni di persone che fanno la fame, di 50 milioni di persone all’anno che ammazziamo per fame. È una guerra mondiale che facciamo contro i poveri del mondo! Come missionari vogliamo mettere sotto accusa, con forza questo Sistema. In una delle Arene è stato detto: “Quando l’economia uccide, dobbiamo cambiare”. Questo è un sistema economico finanziario, protetto da potentissime armi che permettono al 20% del mondo di continuare a papparsi tutto, in barba a tutti. Gli ultimi dati del SIPRI sono chiari. Nel  2013,  a livello mondiale abbiamo speso 1.747 miliardi di $, che vuol dire quasi 5 miliardi di $ al giorno spesi in morte invece che in vita.

Nel 2012, in Italia, abbiamo speso 26 miliardi di euro a cui bisogna aggiungerne altri 15 per gli F35, equivalente alla manovra ‘lacrime  e sangue ‘del governo Monti. Ma queste spese folli sono necessarie per proteggere i privilegi di pochi. Aveva ragione il grande arcivescovo Hunthausen di Seattle, quando ha detto: “Per noi americani abbandonare la bomba atomica significherebbe abbandonare il nostro posto privilegiato in questo mondo”. Noi, con gli Stati Uniti e la NATO, siamo parte di questo sistema. Il 70% delle spese mondiali è fatto dagli Stati Uniti e dalla NATO.  E papa Francesco ha detto che, ”se abbiamo le armi, dobbiamo fare la guerra”.  Come missionari , siamo testimoni di queste guerre. in particolare, come  comboniani stiamo tremando sia per il sud Sudan che per il Centro Africa, dove sono ormai in atto  guerre civili spaventose, per  i Nuba  del Sudan  costantemente bombardati, per Il Congo . Le guerre le facciamo, sapete bene, per mettere le mani sulle materie prime, sugli idrocarburi. La guerra in Congo 96/99 ha fatto 4 milioni di morti e la ragione l’abbiamo nelle nostre tasche. Infatti l’80% del coltan, minerale necessario per i nostri telefonini, viene dal Congo!

Ricordiamoci  che queste guerre sono fatte anche con le nostre armi. L’Italia produce tante armi pesanti ma anche tante armi di piccolo calibro, che sono soprattutto quelle che ammazzano di più, in particolare in Africa. Dobbiamo incominciare a chiedere al Governo una seria politica di riconversione delle nostre fabbriche d’armi, trasformandole in industria civile che investa nella vita. Ma questo sistema economico finanziario, che permette a pochi di vivere da nababbi (protetti da spese folli in armi), a spese di molti impoveriti, sta  talmente pesando sull’ecosistema che ci sta saltando il pianeta Terra. Il pianeta andrà avanti, ma non sopporterà più la presenza di Homo Sapiens. Gli scienziati dell’ONU del 27 settembre scorso (2013), dicono che  se andiamo avanti a vivere con questo stile di vita,  a fine secolo avremo 3° in più se ci va bene, 5° e mezzo se ci va male. Per i paesi mediterranei avremo sui 6/7°in più.

Questo sistema è un sistema di morte, ammazza per fame, ammazza per guerra e ammazza il pianeta. Se vogliamo la pace, dobbiamo uscire da questo sistema di guerra perpetua. Noi non vogliamo morire, vogliamo vivere ! Ecco il grido che deve uscire da questa Arena. Se l’economia uccide, se la  finanza uccide, dobbiamo cambiare, dobbiamo dire no alla finanza speculativa con tutti i suoi derivati. No a tutte queste banche armate, alle  banche che finanziano anche il nucleare. Dobbiamo proseguire la ‘Campagna Banche Armate’ . Dobbiamo dire di sì alla  Banca Etica, alle MAG (Mutuo Autogestione). SI’ alle banche pubbliche che non esistono più in questo Paese: realizziamole noi! A livello economico, dobbiamo dire no allo stile di vita  del 20%  del mondo  che si pappa il 90% dei prodotti e dire sì ai nuovi stili di vita. Ringraziamo per il lavoro della Rete Interdiocesana per i nuovi stili di vita di padre Adriano Sella. I nuovi stili di vita  vanno dalle relazioni umane al riciclaggio totale. In questo spirito, un sì alla giustizia sociale, un sì all’accoglienza ed integrazione degli immigrati con un no al razzismo di Stato,  dalla Bossi-Fini ai decreti Maroni.

In campo militare un NO  alla bomba atomica. La bomba atomica  in sé è peccato, è la negazione della vita. No alle 200 bombe atomiche presenti in Europa. No alle 70 bombe atomiche presenti sul nostro territorio. Come è concepibile che Obama abbia chiesto ed ottenuto dal Congresso Americano 11 miliardi di dollari per modernizzare le  200 bombe atomiche in Europa? Il Parlamento Europeo nel 2004 ha chiesto la rimozione di queste bombe dall’Europa e questo deve avvenire. Dall’Arena deve levarsi un altro grido forte: NO a queste bombe in Europa e in Italia. Un no altrettanto forte contro la base militare Sigonella, capitale mondiale dei droni. I droni sono immorali! Un no al MUOS a Niscemi, che  diventerà  capitale mondiale delle comunicazioni militari. L’Italia sta  diventando il cuore del sistema militare mondiale. Non possiamo accettarlo! Gridiamo invece il nostro Sì alla Vita. Un Sì al al lancio della Campagna per creare un  decastero della Difesa Non ArmataI. La Costituzione lo prevede e la Corte Costituzionale l’ha confermato. Per questo chiediamo al governo investimenti per potenziare la Difesa Non Armata, e ai cittadini di costituirsi con l’opzione fiscale.

E si levi dall’Arena un No ai cappellani militari nell’esercito. Basta guerre! Lo diciamo nel primo centenario della Prima Guerra Mondiale, definita da Papa Benedetto XVII un’ “inutile strage”. È stata totalmente inutile. In questi 100 anni abbiamo combattuto oltre 140 guerre. Ci siamo sbranati a vicenda ! Basta! Ecco perché siamo in Arena, per creare finalmente, come abbiamo fatto per l’acqua, un Movimento che aggreghi tutti per farci ascoltare dal nostro Governo ,per farci ascoltare in Europa. Devono ascoltare il popolo. Noi vogliamo vita, non armi, non guerre. Come credente nel Dio della vita, come seguace di quel povero Gesù di Nazareth, come missionario che porta nella sua nella mia carne la sofferenza di chi vive negli inferni umani, supplico tutti voi cittadini italiani e tutti coloro che si riconoscono nella Costituzione Italiana che ripudia la guerra e tutti i cristiani che si riconoscono nella magna carta del Discorso della Montagna, ad unirsi insieme per debellare il cancro della militarizzazione che sta divorando le nostre risorse, uccidendo milioni di persone. Noi vogliamo che i nostri soldi non vengano spesi in morte ma in vita. Tutti, credenti e non, diamoci da fare davvero perché vinca la vita.

E vorrei concludere chiedendovi una cosa. Qui è risuonata la voce del grande Tonino Bello :“ In piedi costruttori di pace!” Mettiamoci tutti in piedi, teniamoci per mano e diciamo tutti insieme, sentendo che Tonino è in mezzo a  noi. In piedi costruttori di pace. Grazie e Voi. [alex zanotelli]

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Anonimo ha detto:

    Grande alex sei la mia speranza

    Mi piace

  2. nic ha detto:

    le guerre non devonop mai finire si sa il perché gli stessi aiuti umanitari sono a favore delle guerre. noon c'è niente che possiamo fare se non protestare.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...