una protesta sterile?

il
Quartiere Sanità, no alla chiusura dei reparti di Ginecologia e Ostetricia del San Gennaro dei Poveri. 9 luglio 2014 alle ore 23.55 Quartiere Sanità, un corteo per dire NO alla chiusura di alcuni reparti dell’Ospedale San Gennaro dei Poveri (dopo aver già chiuso il Pronto Soccorso), ovviamente opera della Regione Campania e dei tagli scellerati effettuati dai governi di destra. Per me è per la mia gente, la Sanità deve essere pubblica a tutti i livelli, non ci può stare altra soluzione. Detto questo, oggi pomeriggio cittadini, associazioni, infermieri e medici del San Gennaro, alcuni esponenti della III Municipalità Stella San Carlo Arena, hanno sfilato per le strade del quartiere manifestando legittimamente. Peccato che in ritardo (non per colpa di tutti, il Popolo di solito è raggirato, informato all’ultimo momento, non per colpa delle associazioni spesso prese da altro).  

Massimo rispetto per chi ha sfilato in buona fede, ma la Politica quella di quartiere è quella cittadina, non si è mossa in tempo per manifesta incapacità a governare, “salvando la pace di pochi”. Pare che siano state fatte promesse da parte del Direttore Generale ASL1, Ernesto Esposito, di riaperture dei reparti ad ottobre. il 12 Ottobre sembra che abbia dato proprio la data (non per effetto del corteo, non per l’ incazzatura della gente del quartiere, non per le assemblee svolte, oppure per buon senso, trattasi pare di una promessa “a cazzo di cane“ ammesso che sia vera”, e mi fermo qui).  

Ora una mia modesta riflessione  – Io c’ero – sia nell’assemblea scorsa sulla terrazza del San Gennaro, dove hanno parlato tanti senza mai dire la verità, nessuno ha detto che  i giochi sono già fatti, chi doveva dire quello che  si è già deciso sul tavolo della commissione regionale della sanità e sul consiglio regionale, ormai era legge!; non c’erano in quell’assemblea al San Gennaro i tanti consiglieri Regionali del centro sinistra. Detto questo, voglio denunciare: denunciare lo scollamento da parte delle Istituzioni di “Centro Sinistra, forte come parola, ma sembra che così si scriva”. Perché non si parlano più? Perché queste notizie arrivano sui tavoli quando già le decisioni sono state prese? Perché il Consigliere di Municipalità non si rapportava con la Sezione di Quartiere e con il Consigliere Comunale di riferimento, che a sua volta si consultava con il suo Consigliere Regionale, che si rapportavano con le segreteria Proviciale e Regionale.

Ora capisco che vivo nel mondo dei sogni e che questo può essere un sistema vecchio, però devo dire che alla luce del nuovo che avanza, cari miei consiglieri municipali e comunali, voi non controllate più un cazzo, tutto ciò che è importante vi passa sotto il naso. Voi non potete non sapere quello che succede sul vostro territorio, sopratutto quando si tratta della salute della povera gente. Visto che già si è chiuso il Pronto Soccorso del San Gennaro, prendendo per il culo la stessa gente compreso me, e che adesso chiuderanno anche i reparti di Ginecologia e Ostetricia, non vi sembra di aver toccato il fondo sulla salute della gente, e che sia giunta l’ora di farvi da parte? [ciro guida] 

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Anonimo ha detto:

    poi dice che uno si butta a destra 🙂

    "Mi piace"

  2. Mimì ha detto:

    Mi dispiace caro ciro ma le proteste, qualunque esso siano, non sono mai inutili. Mi chiedo se non ci fossero state in passato cosa sarebbe successo? uno di sinistra non dovrebbe mai parlare così.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...