[s]fondi pubblici

Continua il dirottamento dei fondi pubblici dai servizi essenziali come centri diurni, di riabilitazione asili nido, all’assistenza domiciliare, per destinarli a progetti che arricchiscono i centri di formazione, le clientele politiche, senza avere una ricaduta sociale sul territorio. Prendiamo il caso della formazione professionale. Nel periodo 2000-2006 sono stati spesi svariati milioni di euro, per corsi come quello sulle “veline”, sapendo già in partenza che determinate offerte formative non potevano avere una finalità lavorativa. Un altro caso eclatante è il “Progetto Isola” un chiaro esempio di misura assistenziale. Altro esempio sono i corsi di formazione effettuati dalla scuole, dove vengono foraggiati Direttori scolastici, insegnanti, tutor, segretari. Mentre si sperpera senza concludere nulla, nella città di Napoli, è presente un bacino di 3500 senza fissa dimora ed i posti letto sono solo 150. L’assessore alle Politiche sociali Giulio Riccio non ha mantenuto l’impegno di istituire in ogni municipalità un presidio di ristoro, di igiene e informativo per i senza fissa dimora. Nel Rione Sanità sono stati promessi, ma ancora mancano: un asilo nido comunale, negatoci dall’Assessore regionale alla Formazione Corrado Gabriele, un centro polisportivo, un presidio dei Vigili Urbani, un’isola ecologica, una biblioteca, un ufficio Postale adeguato, una scuola media inferiore pubblica.

progetti partecipati proposti dagli abitanti del Rione vengono regolarmente ignorati dalle Istituzioni. I progetti preparati dalle Istituzioni nei minimi dettagli (molte volte sono copiati), illustrati su enormi pile cartacee, solitamente vengono calati dall’alto, senza confrontarsi con i reali bisogni della popolazione. Chi attua i progetti, ovvero: cooperative, fondazioni, associazioni sono legati indissolubilmente alle volontà dei partiti. Senza il legame con classe politica sono praticamente chiusi i rubinetti dei finanziamenti e l’approvazione dei progetti si perde nel labirinto della burocrazia. Tutto questo se si esclude il periodo di campagna elettorale, dove si promettono fondi, pagamenti degli arretrati, nuove collaborazioni, il tutto automaticamente disatteso il giorno dopo le elezioni. Dal 2007 al 2013 sono stati stanziati altri miliardi di euro per la Regione Campania. Siamo nel 2009, sono passati due anni e questi finanziamenti, come quelli del 2000-2006, continuano ad arricchire i soliti noti. Intanto 16 mila napoletani emigrano nelle Regioni del Nord-Italia e la città continua ad essere in balia del degrado sociale, ambientale e culturale. [Mauro Migliazza].

10 commenti Aggiungi il tuo

  1. Sorrentino Antonio ha detto:

    buonasera a tutti,
    sono Antonio e ho 43 anni. Stamattina all'alba, mentre ero ancora nel dormiveglia, ho sentito una voce di una persona che veniva intervistato da un inviato televisivo sull'aggressione che aveva subito in metro a Napoli ieri. Quella voce me la ricordavo e l'ho collegata ad una persona che avevo conosciuto e frequentato 20 anni fà quando ero iscritto all'Orientale. Non potevo sbagliarmi. Poi oggi ho letto l'articolo sul giornale e c'era il suo nome, Ernesto, 44 anni, nato a Cosenza, insegnante di inglese presso un istituto per ciechi a Napoli. Era lui, una persona come noi, con la sola colpa ( sembra sia tornata ad essere una tremenda colpa nella nostra Italia di oggi) di essere omosessuale. Volevo approfittare di questo spazio per salutarlo ed esprimergli tutta la mia solidarietà. [Dalla Bacheca di Facebook]

    Mi piace

  2. Leanyse ha detto:

    Fino a quando la gente abbassera' la guardia,fino a quando la gente si accontentera' dell'elemosina dello stato, la storia si ripetera'.
    L'Italia e' un paese di scandali, solo con gli scandali le cose si smuovono> Bisognerebbe che le persone che subiscono queste politiche scellerate si mettessero in moto e gridassero allo scandalo. Non so se siamo l'unico paese in europa a proporre pagliacciate come quelle dei corsi di formazione all'italiana dove si iscrivono tutti senza un criterio e senza nemmeno fare un colloquio individuale o un bilancio di competenze, senza un briciolo di analisi del mercato…(Non voglio sempre fare il paragone ma in Francia i corsi di formazione sono organizzati come si deve…)|Ogni qualvolta le istituzioni vogliono buttarci il fumo negli occhi bisogna reagire , chiamare la stampa , scendere in piazza, associarsi e urlare al dissenso> Purtoppo a questo stadio le cose si risolvono solo col conflitto aperto ( attenzione io parlo di conflitto aperto non violento)Le associazioni quelle “vere” fatte e create dal basso devono imporsi. Credo che sia l'unica speranza!!!

    Mi piace

  3. Alfio ha detto:

    se c'è una cosa che veramente mi fa arrabbiare in questo periodo è il fatto, mai successo e senza precedenti in altri luoghi, è il fatto che per qualcuno la legge deve essere rispettata (pensate ai carcerati, il 67% sono immigrati), e per altri, in realtà pochi e privilegiati, le norme sembrano non valere (pensate ha chi ha rubato e ha portato i capitali all'estero, adesso rientrano pagando una piccola somma), ma quale legge e quale rispetto… la rivoluzione quella fatta dal popolo, quella vera non decantata dei spot della sinistra estremista. ci vogliono uomini di cultura e di politica vera. Alfio

    Mi piace

  4. Anonimo ha detto:

    sono d'accordo con te Leanyse….

    Mi piace

  5. Anonimo ha detto:

    bell articol brav maur.
    n'amic

    Mi piace

  6. Anonimo ha detto:

    MAURO SEI IL PIù BRAVO RAGAZZO CHE IO ABBIA MAI CONOSCIUTO. PIP

    Mi piace

  7. Anonimo ha detto:

    leggere l'intero blog, pretty good

    Mi piace

  8. Anonimo ha detto:

    quello che stavo cercando, grazie

    Mi piace

  9. Anonimo ha detto:

    La ringrazio per intiresnuyu iformatsiyu

    Mi piace

  10. Anonimo ha detto:

    Perche non:)

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...