la notte… in un vicolo

Notte bianca, trascorsa, illuminata ed illuminante, irregolare, che ricorda la vecchia festa di san Vincenzo patron e padrone del rione. La musica entusiasma, quella neomelodica s’aggroviglia, appiccicosa,  con il jazz, il piano bar, la Maja Desnuda o l’uomo in vetrina senza veli né piaceri. E’ una festa allegra, è allegria, è piacere ritmico, si balla,…

decreto [in] sicurezza

Il 27 novembre 2018 sarà ricordato come il Martedì Nero della Repubblica italiana perché il Parlamento ha trasformato in legge il Decreto Sicurezza che è in netta contraddizione con i principi della nostra Costituzione. E questo è avvenuto senza una discussione parlamentare e senza la possibilità di inserire emendamenti. Altro che centralità del Parlamento! E’…

via fontanelle

Via Fontanelle è un luogo bellissimo, soprattutto quando si arriva alla fine, all’ossario o alla stupenda via del Serbatoio allo Sudillo. Panorama quest’ultimo di grande fascino e bellezza, paragone che regge le mura di tufo dei palazzi vecchi del rione. Peccato che essa vive da anni esclusa dal quartiere e adesso anche dalle luminarie. Via…

foto clandestine

Ha fatto molte più proposte il comitato “No alla chiusura dell’Ospedale san Gennaro”, che la politica negli ultimi vent’anni di gestione della sanità pubblica. Luogo occupato all’interno dell’Ospedale san Gennaro dei Poveri – rione Sanità. Ringrazio Vincenzo, Giuseppe e Gennaro per la loro pubblica collaborazione.  copyright quartieresanita.com

fico alla sanità

Chiudono le catacombe? Solidarietà da parte di tutti, una marea di firme per sostenere le visite guidate. Mi sarebbe piaciuto vedere Roberto Fico quando hanno chiuso il consultorio dell’Ospedale Elena D’Aosta. Mi sarebbe piaciuto vedere Roberto Fico quando hanno chiuso il parco San Gennaro oppure quando hanno tolto la fermata della navetta dell’ANM. In passato…

la rivoluzione della chiusura

Presentare il rione Sanità. Parlare di camorra è facile. Parlare di turisti e di rivoluzione è semplice, per non dire insignificante. Ma oggi si chiude una rivoluzione, eh sì, perché la nostra è la rivoluzione della chiusura. Negli ultimi 10 anni sono nati, per fortuna, una pizza sospesa e un fiocco di neve, per il…

…e la fermata della navetta?

Non è una foto photoshoppata. La prima di definizione migliore, è stata scattata l’altro ieri, mentre quella di qualità più bassa, oggi pomeriggio. Ma dove è andata a finire la fermata della navetta, alla via arena alla Sanità? Mistero della fede.

apartheid sanità

Appena sono entrato nel parco ho visto una delle scene del film “le quattro giornate di Napoli” di Nanni Loy. Una bomba ha colpito in pieno la casupola, facendo saltare le giostrine, una parte del campetto, sfondando poi le pareti esterne ed interne, scassando inoltre il lavandino, il cesso e la porta blindata. Vetro dappertutto… a…

chiagnazzati si nasce

Hanno chiuso anche il consultorio dell”Ospedale Elena d’Aosta. Chiagnit’ sempre! ‘E turist, ‘o dolcett, a pizzeria, ‘o suvenir, ‘e catacombe… ma che vulite cchiù?!  Martina, 23 anni, appena ha sentito la notizia che il consultorio dell’Elena d’Aosta ha chiuso ha storto il naso, ha abbassato gli occhi ed è andata via senza dire una parola. …

ennesima occupazione

Oramai i regimi sono passati, anche se, di questi tempi, non si sa mai. L’esempio rione Sanità, fatto di pizze sospese e di fiocchi di neve, lasciano tutto l’amaro di un impoverimento sociale. A Napoli un parco pubblico va difeso, noi lo difendiamo il nostro, ma forse è meglio che i turisti non vedano. Nascondiamo…