ripubblicizzazione dell’arin?

Ecco cosa ci riserva il prossimo futuro. Prima di qualsiasi analisi o interpretazioni sugli scenari del prossimo futuro sulla “questione” acqua pubblica e sua privatizzazione, credo che sia necessario possedere la seguente chiave di lettura: Decreto Ronchi: 1) gli affidamenti per la gestione del servizio idrico integrato (s.i.i.) senza gara d’appalto (diretti) “in house” non sono conformi e cessano alla data del 31 dicembre 2010; 2) gli affidamenti diretti delle gestioni “miste” (pubblico/privato) cessano in data 31 dicembre 2011; gli A.T.O. (Consorzio dei Comuni), in Campania ne sono 5, in “virtù” della legge n° 42 del 2010 potranno compiere atti fino alla data del 27 marzo 2011 per poi essere abrogati definitivamente; in tutto il paese ci sono moltissimi casi di affidamento senza gara d’appalto e la Campania è un esempio molto chiaro; tra i quesiti referendari, da abrogare vi è l’articolo 15 della legge Ronchi che impone di affidare la gestione del s.i.i. con gara d’appalto aperto a società di capitali. A tal fine qualora si raggiungesse il quorum delle firme previste per i Referendum abrogativo (su cui dovrà avviarsi la campagna della raccolta firme dopo il parere della Cassazione prevista entro dicembre 2010, l’effetto degli stessi si avrebbe solo nel 2012) dopo la promulgazione sulla gazzetta ufficiale.

Con questa chiave di lettura siamo di fronte a questo scenario: a) molti A.T.O. (in Italia) per obbligo di legge avvieranno gare d’appalto per la gestione del s.i.i.; b) molti Comuni visto le scadenze della legge Ronchi, ma soprattutto sollecitati dall’esigenza di fare cassa a fronte dello “spettro” del dissesto finanziario, venderanno i titoli azionari delle società nelle quali partecipano (miste) o ne posseggono la totalità dei titoli (in house). Anche le Regioni metteranno all’asta i titoli delle partecipate per fare cassa, a tal fine il Presidente della Regione Campania Caldoro sembra non avere dubbi. In pratica significa che la “zeppa” prodotta da un eventuale effetto Referendum arriverà tardi.

Fermo restando ai dati della chiave di lettura, veniamo al caso Arin s.p.a di cui si parla in questi giorni: 1) condizioni politiche: oggi non vi è un Consiglio Comunale del centro sinistra che può “rimangiarsi” la trasformazione dell’Arin che nel 2000 da azienda speciale diventò s.p.a. (Salvatore Carnevale: Campania dal disordine al possibile, febbraio 2010 ed Intra Moenia); 2) condizioni giuridiche: giuridicamente è possibile la trasformazione di un’azienda speciale in s.p.a., ma non è possibile il contrario se prima non si adotta una messa in liquidazione della s.p.a. da realizzarsi in una situazione di bilancio Comunale chiuso in pareggio (obbligo giuridico). Questo condizione nasce da un concetto (giuridico) di tutela della responsabilità nei confronti dei terzi creditori sia del Comune che della stessa Arin s.p.a.; 3) Inoltre, qualora ci fosse anche un tentativo di discutere della “cosa” in Consiglio Comunale chi si opporrebbe alla trasformazione avrebbe la meglio, evocando le passività di bilancio e concetti d’efficienza e d’efficacia nel rastrellamento di risorse finanziarie da usarsi negli investimenti sulla rete idrica. In una s.p.a. per trovare soldi immediati basterebbe fare un aumento del capitale sociale grazie all’immissione sul mercato dei titoli azionari.

Un’azienda speciale cosa farebbe per fare cassa? Dovrebbe intervenire il Comune? Dove prenderebbe le risorse visto che all’orizzonte vi è lo spettro del dissesto? Aumenterebbe le tariffe a discapito dei cittadini? La strategia di rivendicazione della ripubblicizzazione dell’acqua è quindi posta male. Quello che oggi occorre è una legge regionale che istituisce l’azienda speciale, di diretta emanazione della Regione, alla quale devono aderire i Comuni per bacino idrografico in una gestione responsabile e compartecipe del s.i.i.. Se così non sarà allora ci dobbiamo preparare alla “guerra” tra i Comuni. Infatti, nella loro autonomia gestionale del s.i.i., rientrante nella propria area geografica, il Comune che sta a monte potrebbe investire nel rinnovamento dell’impianto idrico e chiedere al Comune confinante un aumento di tariffa per metro cubo d’acqua e così via fino a valle. A Monte si berrebbe acqua e si pagherebbe acqua, a valle si berrebbe acqua e si pagherebbe champagne (l’acqua che diventa merce). Nel tavolo tecnico istituito dalla Sindaca Iervolino si parlerà di tutto ciò? Ho i miei dubbi.

Colgo l’occasione, sperando di farti cosa gradita, per informarti che sei stato inserito nella ML della rete informativa e indipendente per l’acqua pubblica un caro saluto. [salvatore carnevale]

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Paola ha detto:

    per fame saremo capace di fare tutto, quello che non ho mai veramente capito, è il perchè se uno è già straricco deve evuole ancora di più. non credo sia solo un fatto di egoismo, deve per forza esserci dell'altro.

    Mi piace

  2. Anonimo ha detto:

    CHI VUOLE METTERCI I BASTONI TRA LE RUOTE SONO LE GRANDI SOCIETA' CHE FANNO AFFARI D'ORO SULL'ACQUA E SU ALTRE COSE. DOBBIAMO ESSERE NOI A

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...