analogie di quartiere

il
Una mail inviata all’amministrazione di un comune di Bologna, una cittadina che chiede spiegazioni, come giusto che siano. Sono così tante le analogie con il nostro quartiere che sembrano che il fruttivendolo, la suora, il barista e il ragioniere della Sanità abbiano deciso all’unisono di scrivere per acclarare le loro indiscusse e antiche argomentazioni. Pubblico il testo integrale.
“Cogliendo   l’invito dell’Assessore Lepore che auspica una cittadinanza “in conflitto” con le istituzioni (sue testuali parole), t’invio una piccola riflessione in merito all’incontro del primo dicembre. Volutamente provocatoria, nella speranza di suscitare un’emozione, ma soprattutto una reazione costruttiva.  Immaginazione civica: parole evocative che dovrebbero riaccendere speranza e fiducia. E allora perché continuo a rimanere sulla difensiva? Non è un pensiero razionale, piuttosto è un impulso, una sensazione di malessere sotto pelle, che non mi permette di fidarmi fino in fondo (dopo Pilastro 2016).

Immaginazione civica: suona davvero bene. Ai cittadini si chiede cooperazione, idee, progetti, soluzioni ai problemi. Ma non sarà che si chiede di sopperire alla carenza di servizi con il volontariato organizzato? Di trovare soluzioni ai bisogni “isorisorse” (tradotto: a costo zero per voi)? Voi di idee ne avete? Perché le risorse non le avete, lo specificate sempre. Però, forse,  aiuterete i cittadini attivi e propositivi  a trovare degli sponsor. Che fortuna! E lo dite molto soddisfatti, dall’alto del vostro pulpito. Non trovate risposte, ma sponsor, forse sì. Perché voi siete sicuri, attaccati alla certezza del vostro presente, mentre a noi, quelli che fanno fatica a sbracare il lunario, tocca immaginare il futuro… ma dov’è il domani? Perché è davvero troppo lontano per noi. Rischiamo di non avere la forza per raggiungerlo. Il tempo assume un valore diverso a seconda della situazione in cui ci si trova, non dimenticatelo mai. 

E non ditemi che mi lamento del fatto che finalmente si apre alla progettazione dal basso, perché faccio fatica a credere che si dia la possibilità di includere chi è realmente escluso. Agli incontri vedo sempre le stesse facce. Anch’io stessa sono privilegiata, perché sono informata. Ma quando ti trovi realmente ai margini, non è così semplice. Quando sei in una situazione di disagio, quando parli la lingua malamente, quando non sai nemmeno che esista una piattaforma virtuale che ti permette di connetterti con l’amministrazione, (e se anche lo sapessi, a cosa ti potrebbe servire?) quando il lavoro non c’è, quando devi associarti anche solo per far sentire la tua voce (e pure questo costa gli euro di una tessera) … ai reietti, quando capita, si fa solo un’estemporanea beneficenza, invece di “immaginare” di aiutarli a uscire fuori dal disagio per sempre. Perché redistribuire vuol dire dare a qualcuno togliendo ad altri. E se gli uni siamo noi, va tutto bene, ma se siamo gli altri… allora no!   Sui progetti delle cooperative sociali ho sempre qualche perplessità. Perché mi sembra che troppo spesso i reali beneficiari siano le cooperative stesse, piuttosto che i “portatori di bisogni”. 

Scrivete “Vogliamo investire nel capitale sociale con fiducia e coraggio e per questo è importante fin da subito aprire una fase di ascolto”.  La fiducia credo che dobbiate metterla voi, perché noi l’abbiamo esaurita molto tempo fa. Il coraggio, invece, è tutto nostro. Perché, credimi, ci vuole tanto coraggio a non arrendersi e a continuare a guardare avanti.  Ascolto? Stiamo urlando da tanto tempo, non ve ne siete ancora accorti?” [lorenza zullo] 

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Anonimo ha detto:

    Geniale complimenti per la scelta e le tante analogie sempre forza Sanità

    Mi piace

  2. Anonimo ha detto:

    Napoli Bologna non ho capito ancora quello che intendete fare, ma comunque… Fato popolare.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...