apartheid sanità

Appena sono entrato nel parco ho visto una delle scene del film “le quattro giornate di Napoli” di Nanni Loy. Una bomba ha colpito in pieno la casupola, facendo saltare le giostrine, una parte del campetto, sfondando poi le pareti esterne ed interne, scassando inoltre il lavandino, il cesso e la porta blindata. Vetro dappertutto… a terra detriti ‘e nu cuofano e munnezza.

Queste sono le condizioni di parco san Gennaro. Qualcuno di buona volontà sta ripulendo il parco ed aggiustando il campetto di calcio a cinque. Non si possono fare i lavori autonomamente perché è reato… c’è un totale abbandono da parte delle istituzioni… forse si sta aspettando qualcuno che se lo compri? forse qualcun’altro se l’adotterà per poi farlo diventare privato? “Chi spart’ ave ‘a peggio parte!”.

 

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...