le pendenze della sanità

Alla via san Vincenzo, verso la piazza, c’è una pendenza: salita Principi. Una si fa per dire. Centinaia di metri in salita, alla fine il panorama è bellissimo. Ma molte persone che abitano in cima sono costrette a fare l’autostop o chiedere passaggi in auto a conoscenti e/o amici. Sforzo incredibile per un giovane, figuriamoci per una persona anziana. Cosa fare per le pendenze napoletane? Niente, basta organizzarsi. Un pulmino, trenta centesimi e l’atavica impotenza di aspettare soluzioni svanisce.

L’auto-organizzazione è la caratteristica principale della sopravvivenza e della solidarietà. Benedette sono i 30 centesimi per chi ha le ossa fragili ma non può fare a meno di andare dal mendico o comprare pane e latte. Si dice che noi napoletani siamo imbroglioni, che abbiamo sempre la soluzione pronta. Bene. Se l’imbroglio serve a salvare vite umane, voglio proprio capire chi giudice di pace emette sentenza di condanna. Mi scuso per la storia inventata del pulmino, ma perché non pensarci seriamente? [+blogger]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...