la collina dell’arte bucata

Se è vero che certe critiche aumentano il malessere creando malumori e conflitti, è altrettanto vero che il vantarsi genera percezioni auto-celebrative, stimolando l’euforia, la mania e a volte anche la passione collettiva. Mi riferisco ad un video girato nel rione Sanità dal titolo “la colina dell’arte“. Bello nelle intenzioni, se non fosse per quegli occhi all’insù di alcuni protagonisti che celano cosa si nasconde sotto i loro piedi.

Occhi al celo per salutare il 2017, sguardi espressivi e significativi che… dalla via Arena alla Sanità, attraversando piazza Mario Pagano, fino a piazza Sanità, sono state maniacalmente contate 30 buche ed ben 2160 cubetti staccati dal manto stradale. Francesco Ruotolo (non capisco perché si ostina con la carriera politica), ha ben fotografato e indicato uno per uno: buchi, indirizzo e/o tratto stradale, descrizione e diametro, profondità, pericolosità, numeri dei cubetti divelti ecc.

Ha poi scritto una precisa e dettagliata lettera che spiega come le strade siano state rifatte completamente appena un anno e mezzo fa. Questa delle vie, vicoli, piazze, salite e discese bucate, è una storia vecchia che si ripete puntualmente da decenni. Qualche anno fa, quando ancora c’era il pronto soccorso del san Gennaro, una buca larga 3 metri e profonda 4, apertasi fuori all’ingresso dell’Ospedale, fu riparata dopo ben sei mesi. Anche allora furono fatte 160 foto, una al giorno, per denunciare l’inattività della giunta Municipale. [+blogger]

Un commento Aggiungi il tuo

  1. Claudio ha detto:

    Stiamo così pieni di buchi che na votapesce a confronto é un’isola pedonale.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...